.

Amministrazione trasparente

-

Amministrazione trasparente

fino al 31/01/2020

Newsletter

La Newsletter consente a chi si iscrive di ricevere gli aggiornamenti che vengono pubblicati nel sito del Comune di Capodrise direttamente nella propria casella di posta elettronica



Login



Home

Controllo impianti termici obbligatori

La società pubblica dell’Ente Provincia di Caserta TERRA DI LAVORO SPA comunica che eseguirà sopralluoghi sul territorio della Città di CAPODRISE, a partire dal 22 luglio 2020.
Essi consistono nell’effettuazione dei controlli d’ufficio per tutti gli impianti termici i cui responsabili (proprietari e/o occupanti a qualsiasi titolo dell’unità immobiliare) non hanno trasmesso, in qualità di soggetto incaricato, per il tramite del proprio manutentore, l’autocertificazione ai sensi dell’art. 15 – allegato L – D. Lgs. 311/06, nei termini di scadenza prefissati per il biennio 2013-2014 o biennalità successive.

 

I Cittadini, saranno preavvisati ed informati della visita di controllo a mezzo nota riportante la data e la fascia oraria fissata per il controllo.

 

Leggi il comunicato completo

 


 

 

TARI – Tassa sui rifiuti – Anno 2020

Tariffe TARI 2020  Modello di denuncia TARI

 

Si informano i cittadini che in questi giorni sono in distribuzione gli avvisi di pagamento del tributo TARI anno 2020.

Si precisa che il versamento della prima rata, nel caso vi sia una tardiva consegna dell'avviso di pagamento per cause non dipendenti dal contribuente, può essere effettuato oltre il termine previsto del 30/06/2020, senza il rischio di incorrere in sanzioni o interessi per ritardato pagamento.

Per informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio Tributi ai riferimenti telefonici e telematici dell'ufficio tributi (0823 836218-211 Pec: protocollo@pec.comune.capodrise.caserta.it) e solo previo appuntamento il giovedì dalle ore 09,00 alle ore 12,00 e dalle ore 16,00 alle ore 18,00.

Nel caso in cui entro il 30 giugno non sia pervenuto l’avviso di pagamento si invita a contattare l’ufficio per le eventuali verifiche.

 

Quadro generale

Dal 1 gennaio 2014, ai sensi della L. 147 del 27/12/2013, è stato istituito in tutti i comuni del territorio nazionale il nuovo prelievo sui tributi denominato TARI che sostituisce il precedente tributo Tares. La TARI è dovuta da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, adibiti a qualsiasi uso, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

 

Con delibera di Consiglio Comunale n. 18 del 28/03/2018 il Comune ha modificato il regolamento della IUC, nella parte relativa alla sezione TARI, per adeguarlo all’applicazione del metodo normalizzato previsto dal D.P.R. n. 158/1999, prevedendo la ripartizione dei costi relativi alle utenze domestiche e non domestiche nelle loro componenti fisse e variabili e il calcolo delle tariffe attraverso i coefficienti previsti dalla legge.

Con delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 25/03/2019 sono state approvate, oltre al piano finanziario, anche le nuove tariffe, in vigore dal 1 gennaio 2019.

 

Sulla base delle predette disposizioni e a seguito dell’emanazione della delibera Arera n°443/2019/R/RIF del 31/10/2019, viste:
• La deliberazione di G.C. n. 41 del 17 aprile 2020 con la quale è stata approvata la riscossione dell’acconto Tari 2020 sulla base delle tariffe previste nell’anno 2019 ai sensi del comma 5 del D.L. 18 del 17 marzo 2020;
• La delibera dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente n°444/2019/R/RIF del 31/10/2019;
• La delibera di G.C. n. 57 del 12/06/2020 di riduzione della quota variabile utenze non domestiche inattive;
• L’art. 13 comma 15 ter del decreto legge n° 201/11 che prevede che le rate con scadenza fissata prima del 1° dicembre sono calcolate sulla base degli atti applicabili l’anno precedente, mentre i versamenti con scadenza fissata in data successiva al 1° dicembre devono essere effettuati sulla base delle tariffe deliberate per l’anno di riferimento, a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno, con eventuale conguaglio su quanto già versato.

Tariffe utenze domestiche 2020  

In attesa di procedere al conteggio definitivo di quanto dovuto da ciascun contribuente, a seguito del nuovo Regolamento Comunale sulla TARI, nonché delle tariffe definitive, le tariffe 2019 restano valide per il 2020 al fine del pagamento di un acconto pari a quanto dovuto per l’anno precedente.

 

La tariffa delle utenze domestiche è composta da una quota fissa parametrata al numero di componenti del nucleo familiare che va moltiplicata per la superficie dell'immobile, e una quota variabile determinata in relazione al numero di occupanti.

Il numero di occupanti per i contribuenti residenti è quello del nucleo familiare risultante all’anagrafe comunale, salva diversa e documentata dichiarazione dell’utente. Devono comunque essere dichiarate le persone che non fanno parte del nucleo familiare anagrafico purché dimoranti nell’utenza per almeno sei mesi nell’anno solare (es. colf, badanti). Sono considerati presenti nel nucleo familiare anche i membri temporaneamente domiciliati altrove.

Per le utenze domestiche condotte da soggetti non residenti, per gli alloggi dei cittadini residenti all’estero (iscritti AIRE), e per gli alloggi a disposizione di enti diversi dalle persone fisiche occupati da soggetti non residenti, il contribuente ha l’obbligo di dichiarare, ai sensi delle disposizioni contenute nel presente regolamento, il numero dei componenti del proprio nucleo familiare secondo le risultanze anagrafiche, in mancanza si assume come numero degli occupanti quello indicato dall’utente o, in mancanza, quello di due unità. Resta ferma la possibilità per il Comune di applicare, in sede di accertamento, il dato superiore emergente dalle risultanze anagrafiche del Comune di residenza.

Per le civili abitazioni tenute a disposizione, e non locate, da parte di nuclei familiari residenti nel territorio comunale si assume come numero degli occupanti quello indicato dall’utente o, in mancanza, quello di una unità.

Per le unità abitative, di proprietà o possedute a titolo di usufrutto, uso o abitazione da soggetti già ivi anagraficamente residenti, tenute a disposizione dagli stessi dopo aver trasferito la residenza/domicilio in Residenze Sanitarie Assistenziali (R.S.A.) o istituti sanitari e non locate, il numero degli occupanti è fissato, previa presentazione di richiesta documentata, in una unità.

Per le unità immobiliari ad uso abitativo occupate da due o più nuclei familiari la tariffa è calcolata con riferimento al numero complessivo degli occupanti l’alloggio.

Il numero degli occupanti le utenze domestiche è quello risultante alla data del 1 gennaio dell’anno di tassazione, le variazioni intervenute successivamente hanno efficacia a partire dall’anno seguente

Di seguito viene riportato l'elenco delle tariffe per le utenze domestiche per l'anno 2020 (sulla base delle tariffe 2019) e modalità di calcolo (deliberazione del C.C. n. 41 del 17/03/2020).

                   

Componenti nucleo

Quota Fissa

€ al mq. Anno

Quota variabile

€/annuo

Famiglie di 1 componente

1,38

90,73

Famiglie di 2 componenti

1,60

163,32

Famiglie di 3 componenti

1,73

208,69

Famiglie di 4 componenti

1,85

235,91

Famiglie di 5 componenti

1,87

263,13

Famiglie di 6 o più componenti

1,80

308,49

Pertinenze

1,02

-

L'importo totale annuo da versare si ricava moltiplicando la quota fissa, rilevata in corrispondenza al numero dei componenti del proprio nucleo familiare, per i metri quadri dell'abitazione.

Al prodotto così ottenuto va sommato l'importo della corrispondente quota variabile.
Dovrà inoltre essere aggiunta l'addizionale provinciale pari al 5% del tributo dovuto.

Esempio:
nucleo di n. 4 persone in una abitazione di mq. 110

(1,85 x 110) + 235,91 = € 439,41

All'importo così calcolato si aggiunge il tributo provinciale del 5%.

Totale da pagare: € 439,41 + 5% (21,9705) = € 461,38 arr.to 461,00

 

Tariffe utenze non domestiche 2020

 

UTENZE NON DOMESTICHE

Quota fissa €. / mq.

Quota variabile €. / mq.

Totali tariffa TARI

€. / mq

1

Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto

2,63

0,83

3,46

2

Cinematografi e teatri

1,96

0,62

2,58

3

Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta

2,93

0,59

3,52

4

Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi

3,09

0,98

4,07

5

Stabilimenti balneari

-

-

-

6

Esposizioni, autosaloni

2,38 0,76 3,14

7

Alberghi con ristorante

4,85

1,34

6,19

8

Alberghi senza ristorante

4,51 

1,43

5,94

9

Case di cura e riposo

4,56

1,44

6

10

Ospedali

-

-

-

11

Uffici, agenzie, studi professionali

3,97

1,19

5,16

12

Banche ed istituti di credito

3,97

1,04

5,01

13

Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli

3,85

1,31

5,16

14

Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze

4,6

1,98

6,58

15

Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato

4,1

1,2

5,3

16

Banchi di mercato beni durevoli

1,99

0,63

2,62

17

Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista

4,97

1,77

6,74

18

Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista

3,22

1,37

4,59

19

Carrozzeria, autofficina, elettrauto

5,77

1,82

7,59

20

Attività industriali con capannoni di produzione

5,43

1,24

6,67

21

Attività artigianali di produzione beni specifici

5,43

1,22

6,65

22

Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub

17,97

4,49

22,46

23

Mense, birrerie, amburgherie

14,21

8,36

22,57

24

Bar, caffè, pasticceria

12,96

9,71

22,67

25

Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari

8,57

2,06

10,63

26

Plurilicenze alimentari e/o miste

7,52

3,23

10,75

27

Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio

13,79

5,84

19,63

28

Ipermercati di generi misti

7,11

2,18

9,29

29

Banchi di mercato generi alimentari

6,90

2,18

9,08

30

Discoteche, night club

10,45

2,52

12,97

L'importo da versare per ciascuna attività si ottiene moltiplicando la quota fissa e la quota variabile per i mq. delle superfici soggette a tassa.

All'importo così calcolato si aggiunge il tributo provinciale del 5%.

 

Agevolazioni Per Disagio Economico E Sociale

In favore dei nuclei familiari che versano in particolari condizioni di disagio economico-sociale, rilevate mediante il calcolo dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.), così come disciplinato dal D.P.C.M. 5 dicembre 2013 n. 159, è prevista una riduzione tariffaria, nella quota fissa e variabile, del 25%, per i soli locali destinati ad abitazione principale e per le relative pertinenze.

La riduzione di cui al comma precedente trova applicazione in presenza di un indicatore ISEE compreso fra zero e 6.000,00 Euro. Tale limite ISEE è elevato a 8.000 Euro in caso di nuclei familiari con uno o più componenti con invalidità pari al 100%.
Per beneficiare della suddetta agevolazione, l’interessato deve presentare, dal 1° gennaio al 31 luglio di ogni anno, apposita richiesta scritta, a cui deve essere allegata, a pena di irricevibilità, la seguente documentazione:

a) dichiarazione sostitutiva delle condizioni economiche del nucleo familiare relative all’anno precedente a quello di presentazione della domanda;

b) eventuale certificato di invalidità pari al 100%, rilasciato da competenti servizi sanitari pubblici;

c) copia di un documento di riconoscimento del richiedente (in caso di invio della domanda a mezzo posta).
4. Ricorrendo i requisiti e le condizioni di cui ai commi precedenti, la riduzione tariffaria trova applicazione con riferimento all’intero anno in cui la richiesta è stata presentata e per poterne beneficiare anche per gli anni successivi è necessario riproporre l’istanza di anno in anno.
5. In casi eccezionali, pur in presenza di un ISEE superiore ai limiti previsti nei commi precedenti,
ricorrendo condizioni di gravissimo disagio economico-sociale, in base alla valutazione degli assistenti sociali, su richiesta scritta e motivata del Dirigente dell’Area Sociale, saranno concesse le stesse riduzioni previste nei commi precedenti 

 

Scadenze 2020

1 rata scadenza 30 giugno,

2 rata scadenza 31 agosto,

3 rata scadenza 31 ottobre,

4 rata scadenza 31 dicembre,

Un’unica soluzione in data 31 luglio 2020.
Si provvederà eventualmente ad inviare la rata a conguaglio per l’intero anno entro il 28 febbraio 2021;

 

Modalità di pagamento

La riscossione della tari è effettuata direttamente dal Comune mediante l’invio al contribuente degli avvisi di pagamento e i modelli F24. Il pagamento potrà essere effettuato in posta o in banca (Sezione: Enti Locali EL - codice tributo: 3944 - Codice Ente: B667 – Anno 2020).


Allegato A: Tariffe TARI 2020

 

Regolamento IUC

 


 

 

AVVISO

COMUNE DI CAPODRISE

PROV. CE

Prot. n. 8752 del 17/06/2020

AVVISO

RIMBORSO SPESE PER SERVIZI SCOLASTICI A DOMANDA INDIVIDUALE (MENSA E/O TRASPORTO a.s. 2019/2020) NON FRUITI CAUSA LA SOSPENSIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE PER COVID -19

Il Responsabile dell’Area AA.GG., Politiche Sociali, P.I., Sport e URP

dr.ssa Costantino Mariagrazia

Atteso che all’inizio del mese di marzo c.a., in applicazione delle disposizioni sanitarie intese a contrastare la diffusione del Covid-19, le attività didattiche sono state sospese.

Dato atto che, consequenzialmente, gli alunni del locale Istituto Comprensivo “G. Gaglione”, utenti dei servizi di mensa scolastica e trasporto scolastico per il corrente A.S.2019/2020, non hanno potuto fruire degli stessi servizi.

Ritenuto che, per il corrispondente periodo, va riconosciuta alle famiglie interessate la maturazione di un credito, e ciò anche in considerazione del difficile momento di disagio economico che molti si trovano a dover affrontare causa l’emergenza epidemiologica da Covid -19.

Vista la delibera di G.C. n. 54 del 28 Maggio2020

RENDE NOTO

Che, a partire dal 17/06/2020 e fino al 30/06/2020, i genitori degli alunni del locale Istituto Comprensivo “G. Gaglione”, utenti dei servizi di mensa scolastica e/o trasporto scolastico per il corrente A.S.2019/2020, possono presentare istanza di rimborso delle spese sostenute per l’accredito sul borsellino digitale degli utenti del servizio di mensa digitale “School Net” e/o delle somme versate per il servizio di trasporto scolastico. In quest’ultimo caso il rimborso dovrà essere proporzionale ai mesi non fruiti a causa della sospensione delle attività didattiche conseguenti alla emergenza da Covid 19

Gli interessati al rimborso sono invitati a presentare richiesta secondo l’allegato modulo, scaricabile dal sito del Comune o disponibile presso la portineria comunale, direttamente al protocollo dell’Ente o mediante trasmissione all’indirizzo pec: protocollo@pec.comune.capodrise.caserta.it improrogabilmente, pena l’irricevibilità, entro e non oltre il 30/06/2020

Per informazioni è possibile contattare l’Ufficio Pubblica Istruzione ai numeri 0823836215, oppure 0823836234

 

Capodrise, 17/06/2020

Il Responsabile dell’Area

AA.GG., Politiche Sociali, P.I., Sport e URP

dr.ssa Costantino Mariagrazia

 

 

Elenco contenitori per la raccolta degli indumenti

Si pubblica l'elenco dei luoghi dove sono disposti i contenitori per la raccolta degli indumenti usati.

 

Scarica l'elenco

 


 

 

Attivazione del corso di laurea in Scienze Agrarie e Forestali presso l'università "L. Vanvitelli"

Il dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali Biologiche e Farmaceutiche dell’Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli" informa che ha ampliato la sua offerta formativa attivando, in collaborazione con l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", il nuovo Corso di Laurea in Scienze Agrarie e Forestali (classe L-25).

 
Il progetto è nato dalla esigenza, segnalata da più parti, di soddisfare il fabbisogno di figure professionali in grado di attuare una valorizzazione del settore agro-forestale dal punto di vista tecnico ed organizzativo, volta a migliorare la competitività e la sostenibilità ambientale delle filiere agroalimentare e forestale del territorio regionale e macroregionale secondo gli standard vigenti nazionali ed internazionali. Figure capaci di potenziare il valore economico, naturale e culturale del territorio e di aggiornarsi di pari passo alla legislazione vigente ed ai mutamenti della domanda del consumo.


Il Corso di Laurea in Scienze Agrarie e Forestali ha l'obiettivo di preparare laureati con una solida formazione di base e una preparazione multidisciplinare a fondamento della professionalità specifica dei comparti agrario e forestale, che possa introdurli nel mondo delle professioni e, al contempo, fornire loro una solida preparazione propedeutica alle lauree magistrali di elezione.


Ogni ulteriore informazione utile è disponibile sul sito web del Dipartimento, nella sezione dedicata al Corso di Laurea:
https://www.distabif.unicampania.it/didattica/corsi-di-studio/scienze-agrarie-e-forestali

 

Scarica la brochure


 

 

 

Acconto nuova IMU 2020

Avviso nuova IMU 2020


Utilizza il servizio ANUTEL per calcolare l'IMU 2020

calcoloIMU20-banner


 

Archivio IMU e TASI anni precedenti 

 

 

 

 

COMUNE DI CAPODRISE

Piazza Aldo Moro, 3

81020 - Capodrise CE

Tel: +39 0823 836 200

Pec:

protocollo@pec.comune.

capodrise.caserta.it

Emergenze - Comando PM: +39 338 98 58 093

 

C.F.: 80007410618

P. IVA: 01283770616

Raccolta differenziata

locandinaCalendarioRaccoltaDifferenziata2020

 
tari

 
trasparenza-banner-180x100

servizio-civile-6x4-800x500 c-500x383

pec

p060_1_00

Hai intenzione di effettuare uno spettacolo musicale nel tuo locale, all'esterno o in spazi pubblici?
Leggi le procedure da seguire e quale documentazione presentare.

 

Codice Etico

Orari della biblioteca

La biblioteca comunale è temporaneamente chiusa.
Per informazioni si può contattare gli operatori:

Giuseppe Campomaggiore 0823 836206

Anna Costantino 0823 836209


 

Contatore visite


0Visite odierne:294
1Visite ieri:398
2Visite mese corrente:10224
3Visite mese precedente:10707
4Visite anno corrente:102353
5Visite anno precedente:81004
6Visite totali:451169